NUERBURG, GERMANY - OCTOBER 10: Max Verstappen of the Netherlands driving the (33) Aston Martin Red Bull Racing RB16 on track during qualifying ahead of the F1 Eifel Grand Prix at Nuerburgring on October 10, 2020 in Nuerburg, Germany. (Photo by Bryn Lennon/Getty Images) // Getty Images / Red Bull Content Pool // SI202010100282 // Usage for editorial use only //

F1 | HELMUT MARKO PARLA DELLA RED BULL

Dopo vari gran premi ormai disputati Helmut Marko ha descritto la situazione attuale della Red bull.

Spiegando che ora il punto forte della squadrato è sicuramente Max Verstappen, che come Hamilton, sta facendo il mondiale senza rivali. Un’altro paragone interessante è Charles Lecerc, infatti secondo Marko anche il monegasco starebbe facendo una stagione incredibile nonostante la vettura. 

Ecco le sue esatte parole:

“Verstappen e Hamilton stanno correndo da soli in questo momento, sono di un livello superiore. Poi c’è Charles Leclerc, che sta guidando benissimo in questa Ferrari. È veramente impressionante“. Per quanto riguarda il fronte mercato, invece, nessuna novità: “Non c’è nessuna fretta. I media inglesi e tedeschi scrivono molto sulla nostra seconda guida del futuro e tutti i piloti che sono stati citati sono a disposizione. Per quanto ne so, praticamente tutti i sedili sono occupati. Noi avremo il pilota più promettente per il team. Non è una questione di chi preferisca, ma di chi costituisca il pacchetto migliore con la macchina“.

Inoltre ha annunciato che porterà in pista nuovi aggiornamenti sulla RB16, che però saranno incentrati sul 2021. Ha anche affermato che la prossima vettura non sarà troppo diversa da quella di quest’anno, che comunque è abbastanza competitiva.

Diciamo che la Red bull è in una situazione ottimale, ha i piloti giovani e promettenti e una macchina buona l’unico problema è la Power Unit. 

Bisognerà vedere se opteranno per la scelta dei motori Renault o Ferrari oppure se saranno loro stessi a produrli.

Enrico
Sono un ragazzo di 18 anni appassionato di formula 1. Mi piace condividere ciò che penso di questo sport, ed e' il motivo per cui scrivo gli articoli