2020 Hungarian Grand Prix, Sunday - LAT Images

F1 | VINCE HAMILTON, MERCEDES STRADOMINANO DOPPIANDO TUTTI

 

È successo di nuovo, il circuito ungherese, che festeggia i 35 anni di presenta nel mondiale di F1, non è fatto a misura di Ferrari. Lo avevamo intuito lo scorso anno quando le rosse hanno concluso con 1 minuto di distacco dalle frecce d’argento e lo hanno riconfermato quest’anno venendo addirittura doppiate.

 

Hamilton, partendo dalla pole Position, ha dominato tutta la gara, concludendo da Campione e rifilando un distacco di 9 secondi a Max Verstappen, secondo classificato. Bottas finisce sul podio a meno di un secondo dall’olandese, probabilmente sperava in un qualcosa di più.

 

Inizio di gara incerto per il meteo, con tutti i team che hanno montato le Intermedie a causa dell’asfalto bagnato, eccezion fatta per le due Haas che alla fine del giro di formazione sono rientrate ai box per montare le Medie, strategia che ha pagato quantomeno per Magnussen che è riuscito a concludere in 9° posizione.

 

Le Racing Point si riconfermano le Mercedes del 2019 (confermato anche dal commento di Carlo Vanzini su Sky che le ha chiamate cosí 😉 con Stroll che ha concluso in 4° ed il suo compagno Perez, protagonista di una partenza non proprio perfetta, in 7° piazza.

 

Lewis Hamilton raggiunge cosí il grande Michael Schumacher con 8 vittorie su uno stesso tracciato, riuscendo inoltre a centrare pole position, vittoria e giro veloce conducendo per tutto il tempo la gara dalla prima posizione.

Solo la 6° posizione per Sebastian Vettel (doppiato dai Mercedes) mentre per Charles Leclerc dobbiamo scendere fino all’ 11° piazza, fuori quindi dalla zona punti. È evidente che ci sia qualcosa che non funzioni sulla SF1000, ma è anche vero che questo è stato anche lo scorso anno un tracciato duro per le Rosse, quantomeno lo scorso hanno avevano concluso in 3° e 4° posizione. Nonostante la buona partenza le Rosse hanno davvero peccato nel passo gara, si vedeva ad occhio che faticavano a stare dietro agli altri, più che una gara in attacco sono stati quasi 100 minuti di pura difesa cercando di ottenere il meno peggio.

 

Buon piazzamento anche per Daniel Ricciardo che conclude la gara in 8° posizione, strano vedere Alexander Albon solo in 5° posizione al termine dei 90 minuti di gara, considerato che il suo compagno di squadra è salito sul secondo gradino del podio.

 

 

Filippo
Appassionato dei motori sin da prima che fossero inventati. Ho creato f1motogp.com perchè non sapevo come impegnare il tempo libero e ora che il gruppo si è ampliato continuiamo a pubblicare con costanza ed impegno. Accreditato giornalista in Formula E, F2 e F3 e presto, almeno si spera, anche in Formula 1; cosí da potervi portare contenuti ancora più interessanti!