Yuki Tsunoda #07 Carlin, performs during round ten of the Formula 2 Championship at the Autodrom in Sochi, Russia on September 25, 2020 // Dutch Photo Agency/Red Bull Content Pool // SI202009260121 // Usage for editorial use only //

F2 | RIPARTE LA CACCIA ALLA F1

Ci siamo, 111 giorni dopo il trionfo di Mick Schumacher a Sakhir, la Formula 2 è pronta a ripartire nello stesso weekend della sua classe regina.

La stagione 2020 ci ha portato ancora un altro campionato di altissimo livello, con piloti di grande talento e smisurata competitività. E il campionato a venire per ora sembra non poter essere da meno. Nuovi volti, circuiti e regolamento infiammeranno la caccia ad un sedile per la F1 2022. La FIA infatti, in collaborazione con Formula 2 e Formula 3, ha deciso di rinnovare completamente i weekend di gara. Dunque niente più weekend con triplo evento (F1, F2 ed F3 per intenderci), con calendari di F2 ed F3 scollegati e in alternanza. Modificata anche la struttura del stessa dei weekend, che saranno ridotti a otto per le due categorie, con ben tre gare tra sabato e domenica e le sessioni di prova e qualifica al venerdì.

Ecco il nuovo calendario per la prossima stagione di F2:

  • Bahrain (26-28 Marzo)
  • Montecarlo (20-22 Maggio)
  • Baku (04-06 Giugno)
  • Silverstone (16-18 Luglio)
  • Monza (10-12 Settembre)
  • Sochi (24-26 Settembre)
  • Jeddah (03-05 Dicembre)
  • Yas Marina (10-12 Dicembre)

Grande rivoluzione anche in griglia, dove i protagonisti della scorsa stagione hanno già lasciato il posto ai prossimi talenti. Con Mazepin, Tsunoda e il campione in carica Mick Schumacher promossi in Formula 1 e il povero Ilott, non confermato per li 2021 nonostante il secondo posto e con un sedile nel GP. Difficile trovare un favorito per questo campionato, come sempre in queste categorie, ma se vogliamo osare dei nomi sicuramente Robert Shwartzman è tra di essi. Il giovane russo del team PREMA si è già messo in mostra nello scorso campionato, con un grande inizio per poi però perdersi nella seconda metà di stagione, il talento sicuramente c’è, se riuscirà a trovare continuità sarà sicuramente tra i favoriti. 

Da tenere d’occhio saranno i promossi dalla Formula 3, Oscar Piastri e Theo Pourchaire, rispettivamente in PREMA e ART, dopo essersi combattuti fino all’ultima tappa, sono pronti a rimettersi in gioco anche nella categoria superiore. Anche il team HWA Racelab meriterà la nostra attenzione visto che si appresta a schierare un lineup tutto italiano, con Matteo Nannini e Alessio Deledda.

Nuove regole, nuovi circuiti e nuovi volti, tutto pronto per una nuova straordinaria stagione di Formula 2. Appuntamento al 26 Marzo in Bahrain per la prima bandiera verde. La caccia alla Formula 1 è aperta.