F3 | HAUGER CAMPIONE

Sulle sponde del mar Nero, tra gli avveniristici palazzetti della ormai ex città olimpica di Sochi, va in scena l’atto conclusivo della stagione di Formula 3. La designazione della tappa russa in sostituzione di Austin, causa problemi logistici, in realtà ha causato ancor più grattacapi del previsto. L’imprevedibile meteo ha regalato un weekend convulso e caotico, anche alle altre categorie. Il risultato è stato un sabato senza attività in pista per la F3 e la Sprint Race 2 cancellata, con la prima anticipata al venerdì pomeriggio.

Se Hauger arrivava a Sochi con il favore dei pronostici, la sua zampata non si è fatta certo attendere. Ma le cose non si mettono bene per il norvegese, Doohan si prende la pole e Hauger fa solo nono. La Sprint Race 1 è una dimostrazione di forza concreta da parte del pilota norvegese, complici anche i problemi per Doohan, con la vettura numero 1 della PREMA che si fionda in una rimonta inesorabile che lo porta fino alla seconda piazza. Ad Hauger basta il secondo posto con lo 0 del rivale per conquistare il titolo piloti di Formula 3, e chissà forse anche un sedile in F2.

La Feature Race a questo punto è una semplice formalità, che regala però al team Trident il titolo costruttori, grazie alla vittoria di Doohan e il terzo posto di Novalak. Piccola soddisfazione dopo una stagione difficile per Vesti, che chiude secondo.

La Formula 3 tornerà il prossimo anno, con il ritorno del vecchio format, un calendario ancora da annunciare e soprattutto tanti nuovi talenti pronti a lottare per il titolo ed un futuro tra i grandi.