aston-martin-valkyrie-redbull-max-albon

Verstappen e Albon provano la nuovissima Aston Martin Valkyrie

 

I due giovanissimi piloti della Red Bull, Verstappen e Albon, hanno provato questo nuovo gioiellino della Aston Martin (la Valkyrie) ed il primo a scendere dalla vettura, Max, l’ha definita “insana“. Fatto curioso per un uomo che pilota una Formula 1 durante tutto l’anno.

I due piloti non sono certo tipi facili: guidano per tutto l’anno una vettura (la monoposto di F1) che raggiunge i 350 km/h e che genera spinte di accelerazione che un comune mortale non sopporterebbe, quindi è curioso sentire parlare cosí i due ragazzi.

LEGGI ANCHE: GP DI IMOLA AL POSTO DEL GP DI CINA?

Vi ricordiamo inoltre che Lance Stroll ha da poco investito 182 Milioni di sterline per una quota del 16,7 % di Aston Martin e che quindi la sponsorizzazione della red Bull non sarebbe stata rinnovata. Tuttavia questo progetto della Valkyre, che è stato pure sviluppato in collaborazione con l’azienda di bevande, non ha subito modifiche e sta procedendo a gonfie vele.

“Sono stato qui a Silverstone per assistere alle prime prove dell’Aston Martin Valkyrie al Gran Premio di Gran Bretagna dell’anno scorso, ma ovviamente è sempre meglio essere al volante da soli, ed essere uno dei primi ragazzi a guidare un’auto pazza come questa è stato davvero emozionante “, ha detto Max.

“È stato fantastico assaggiarla per la prima volta. Ovviamente è ancora in fase di sviluppo, ma puoi già sentire il ritmo, che rispetto a una macchina normale è … piuttosto diverso!”

“L’Aston Martin Valkyrie e i suoi livelli di carico aerodinamico sono incredibili e sembra super aggressiva. È stato molto divertente là fuori.”

Albon ha poi aggiunto: “È stato incredibilmente eccitante avere l’opportunità di guidare la Aston Martin Valkyrie e la prima cosa che mi ha colpito è stato l’aspetto visivo – sembra fantastica! Sembra anche un’auto da corsa.”

“Certo, rispetto a un’auto da F1, ti manca il carico aerodinamico assoluto, ma senti ancora la forza di accelerazione negli angoli e sicuramente reagisce in modo più simile ad un’auto da F1 che non ad una normale auto da strada. È piuttosto speciale!”.

 

Filippo
Appassionato dei motori sin da prima che fossero inventati. Ho creato f1motogp.com perchè non sapevo come impegnare il tempo libero e ora che il gruppo si è ampliato continuiamo a pubblicare con costanza ed impegno. Accreditato giornalista in Formula E, F2 e F3 e presto, almeno si spera, anche in Formula 1; cosí da potervi portare contenuti ancora più interessanti!