Verstappen: “gli steward in F1 come gli arbitri di calcio”

Max è stato chiaramente al centro di un cambio regolamentare nel corso di quest’ultima stagione di Formula 1. Dopo che in Austria si è avuto un pesante duello tra Max Verstappen e Charles Leclerc, conclusosi con la vittoria dell’olandese ai danni del monegasco senza penalizzazione del primo a seguito di un molto discusso sorpasso.
 
Inevitabili le successive polemiche che hanno portato gli steward a non punire Max ed a introdurre un rispetto del regolamento un po’ più leggero al fine di favorire divertimento e sorpassi. Chiaramente ciò ai danni dei piloti che erano stati penalizzati nei precedenti GP. Verstappen ha poi dichiarato. “La cosa è come nel calcio, no? Si hanno arbitri diversi, qualcuno ti dà un cartellino giallo più facilmente rispetto ad altri. È la stessa cosa. Ovviamente c’è un regolamento, ma anche gli steward hanno un minimo di voce in capitolo al momento di applicarlo. Quando si gioca in Champions League o in Premier League, l’arbitro può essere diverso. A volte si scampa con un cartellino giallo, altre volte si prende il rosso e ti chiedi ‘ma cosa succede?’. Credo che in Formula 1 sia esattamente la stessa cosa”.
Ricordiamo anche che Masi ha reintrodotto la famosa bandiera bianco e nera, una sorta di “cartellino giallo” che serve da ammonimento ai piloti, utilizzato di fatto solo una volta con Leclerc in occasione del GP d’Italia.
Filippo
Appassionato dei motori sin da prima che fossero inventati. Ho creato f1motogp.com perchè non sapevo come impegnare il tempo libero e ora che il gruppo si è ampliato continuiamo a pubblicare con costanza ed impegno. Accreditato giornalista in Formula E, F2 e F3 e presto, almeno si spera, anche in Formula 1; cosí da potervi portare contenuti ancora più interessanti!